Strumenti open source per lo smart working

Vista l’emergenza corona Virus molte aziende si trovano nella difficoltà di gestire la modalità smart working.

Ho una certa esperienza sul tema, in quanto lo applico con successo per molti miei collaboratori, voglio allora dare il mio piccolo contributo condividendo alcuni strumenti che nel tempo ho utilizzato per questo scopo. Ed è con un pizzico di orgoglio che ricordo come all’alba delle connessioni telefonice relativamente veloci, per l’epoca, proposi il telelavoro per tutte quelle mansioni che dovevano solo svolgere l’imput di dati nel sistema. Correva l’anno 1997.

Cos’è lo smart working?

Lo Smart Working è un concetto che riguarda le organizzazioni aziendali e non il singolo professionista freelance che, da sempre, è abituato a lavorare in mobilità, con orari flessibili e utilizzando software e applicazioni che gli consentono di svolgere la professione in maniera “nomade”. Il telelavoro, la possibilità di svolgere da casa propria tutte quelle funzioni che attualmente sono svolte in ufficio, tranne prendere il caffè alla macchinetta, dall’operatività spicciola alle riunioni distrettuali o plenarie.

In questo particlare periodo a fronte dell’emergenza Corona Virus, ho deciso di condividere con voi la mia esperienza di alcuni anni di lavoro con strumenti online per la collaborazione aziendale.

Ho deciso di dare particolare visibilità alle soluzione open source e proporre soluzioni gratuite e molto ben funzionanti.

Vantaggi open source per lo smart working

  • Nessun costo di licenza
  • Accesso al codice, facilità di personalizzazione
  • Libertà nel passare da un fornitore di servizio all’altro

Svantaggi open source per lo smart working

  • Necessaria installazione iniziale del software
  • Necessaria manutenzione del software
  • Maggior legame con il fornitore

E i costi?

La risposta è dipende. Open source non è propriamente gratis. Open source non si pagano i costi di licenza ma per una fruizione completa del software o per l’adattamento alle proprie esigenze i servizi si pagano. Per cui non aendo costi fissi di licenza, mediamente, nel medio periodo i costi di una soluzione open source sono decisamente inferiori rispetto a quelli di una soluzione proprietaria di pari livello.

Ma veniamo ai prodotti.

 

TIPOLOGIA Prodotto Link
VIDEOCONFERENZE Jitsi https://jitsi.org/
CHAT Rocket chat https://rocket.chat/
CONDIVISIONE DOCUMENTALE Nextcloud https://nextcloud.com

Per ogni informazione chiamami

 

Segnalo infine un interessante progetto del governo in collaborazione con alcune imprese che mette a disposizione per le aziende un elenco di alcuni prodotti e servizi gratuitamente: https://solidarietadigitale.agid.gov.it/